La Storia

RADIO-REPORTER-93-LOGO-2-213x300YESTERDAY

Dopo gli esordi pionieristici, Radio Reporter 93 inizia la sua storia arruolando una folta schiera di speaker.

Tra i propri collaboratori Maurizio Di Maggio (poi a Radio Montecarlo), Piero D’Amore, Manuela Doriani, Nicola Maria Fioritti, Mister Mixo, Mariella Vitale, Stefano Belbiglieri, Alex Farolfi (oggi a Radio DeeJay), Graziella Porro, Gabriele Isaia, Monica Torchio, Federico Caldana, Marco Murtas, Maurizio Eynard e Giampaolo Shoogie Ferri.

Il primo Direttore artistico fu Piero D’amore, oggi affermato pittore.

Al posto degli spot pubblicitari veri andavano in onda spot taroccati che prendevano in giro qualcuno che telefonava in radio o la pubblicità ufficiale.

Il periodo migliore dell’emittente sono gli anni ’80: se di giorno la programmazione era quasi normale di notte era il delirio.

Al posto di mandare canzoni ogni tanto, i dj prendevano il microfono ed iniziavano a “cazzeggiare”. Sono rimaste nell’immaginario collettivo (al punto che sono nati dei blog) le pubblicità ironiche dell’emittente.

Lo slogan dell’emittente era stato coniato da Piero D’Amore: “Radio Reporter 93 – La musica più bella del mondo”.

radioreporter97OGGI

Nel 2012 la storia dell’emittente radiofonica riprende a scorrere. Nasce Radio Reporter97.it, per “Gli amanti della Radio”, un prodotto che miscela vibrazioni, suoni importanti, belle voci e personalità.

Dopo diverse metamorfosi artistiche e strutturali approda nel gruppo di Nuova Radio Veronica One, una radio web dove si è deciso di realizzare una Radio tematica di soli suoni rock.

Jacopo Pastorino e Luisa Torta hanno deciso di ridare una connotazione importante alla “storica radio” guardando però avanti alle nuove tecnologie. Dunque si riparte per una nuova avventura.
La station sarà sempre via web.
Vogliamo offrirvi un prodotto che sia anche visibile, una station di grandi successi, di eventi, d’informazione, di sport… La mansione di responabile artistico è affidata ad una delle voci più note delle radio, Cristian Panzanaro.

Il nostro motto è quello di parlare non di trasmettere!
Buon ascolto e buona visione.